Un’auto-aereoplano solca i cieli di Udine?

Sulle bacheche Facebook impazza un video virale: un documentario che mostra un'auto-aereoplano, forse la prima a solcare i cieli, costruita a Tarcento (UD) nel secondo dopo guerra!

Stupefatto dalle immagini, ho fatto qualche ricerca per approfondire la notizia. Si è rivelata meno facile del previsto: i documenti giacciono sepolti sotto la polvere degli anni e i protagonisti sono deceduti.



Sono tuttavia riuscito a rintracciare due testimoni, che mi hanno raccontato alcune curiosità sul bizzarro progetto. Fu creato da un team di appassionati. Conosco solo i nomi di due tra questi: il sig. Sandro Ripari e l'architetto Felice. L'aeromobile fu unico al mondo nella sua tipologia.

Un esteso clamore attirò i riflettori sul Friuli di sessantasei anni or sono, evento molto raro (almeno fino al terremoto del 1976).

Il video è stato ‘uploadato’ da BayRetro, un esclusivo archivio di vecchi cinegiornali europei - in questo caso made by British Pathè - confezionati per il pubblico americano.
Esiste anche la versione in italiano dell'Istituto Luce (link in fondo).



A differenza di quanto riferisce il narratore americano, i paesaggi ripresi da terra non sono relativi ad “un'autostrada nei pressi di Roma”. Si riconoscono: una via di Tarcento, il borgo montano di Stella, la catena prealpina Cjampon-Postonzicco,  la s.s. Pontebbana, il borgo e la Chiesa di Collalto.

Aer-1, questo è il nome del velivolo, raggiungeva 120 km/h su terra, 200 km/h in volo, con un potere trainante di 125 cavalli. Grazie alle ali ripiegabili, aperte all'estensione massima, poteva conseguire i 10 metri complessivi di larghezza.
All'interno, riusciva ad ospitare due o tre persone.

Da informazioni ricevute, il pilota del mezzo non era la persona che scende ad azionare le ali, probabilmente solo un collaboratore non identificato. Invece, quasi sicuramente si tratterebbe di Antonio Patriarca (n. 1916), futuro fondatore della “Fabbrica Giocattoli Trudy” assieme alla moglie Gertrude Müller. Dalle riprese aeree, possiamo ammirare il castello di Udine, il campanile del Duomo, il Gran Monte e uno scorcio del Canin.

Altra curiosità: oggi esiste un analogo progetto di macchina volante, presentato al pubblico: l'AeroMobil 3.0 di Juraj Vaculik e Stefan Klein, molto simile all'originale friulano. Leggendo e confrontando le specifiche, la somiglianza tra i due è incredibile, quasi non fossero passati più di sessant'anni.

Clicca QUI per il video doppiato in italiano, sul sito di BritishPathe.

Fonti: Bay Retro, BritishPathe




Potrebbero interessarti: